Button Text! Submit original article and get paid. Find out More

Responsabilità sociale d’impresa: conviene alle società di piccole dimensioni?



Con il DECRETO LEGISLATIVO 30 dicembre 2016, n. 254, l’Italia ha recepito la direttiva europea 95/2014 secondo cui le imprese con almeno 500 dipendenti hanno l’obbligo di comunicare informazioni di carattere non finanziario e informazioni sulla diversità.

Più in dettaglio, il decreto prevede l’obbligo di inserire nella relazione sulla gestione una dichiarazione di carattere non finanziario contenente informazioni ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione. Tale dichiarazione deve riportare, tra l’altro, una breve descrizione del modello aziendale dell’impresa, delle politiche applicate dall’impresa su questi aspetti, il risultato di tali politiche, i principali rischi connessi a tali aspetti, gli indicatori fondamentali di prestazione di carattere non finanziario connessi all’attività specifica dell’impresa.

Nonostante alcune grandi società (multinazionali e non) abbiano da anni inserito la responsabilità sociale (RSI) come strategia aziendale, per la maggior parte delle imprese si tratta di una novità assoluta e in molti ritengono che questo apporterà delle modifiche anche a livello di imprese di piccole dimensioni.

La RSI nelle piccole imprese

Le iniziative di RSI a livello di piccole e medie imprese sono state adottate, per lo più, in forma associata come reti territoriali.

Diversi studi condotti in aree geografiche diverse (vd per esempio Isfol 2015 e Secondo Welfare 2016) evidenziano alcune peculiarità delle piccole imprese in materia di RSI:

  • la matrice familiare del management, con conseguente gestione diretta da parte della “proprietà”, senza alcuna separazione tra proprietà e controllo, e con un ruolo strategico da parte dell’imprenditore/proprietario, che incide direttamente sulle decisioni aziendali con le sue inclinazioni e relazioni personali;
  • il forte radicamento dell’impresa nell’ambito della comunità locale di appartenenza che, oltre ai numerosi vantaggi, porta spesso a una scarsa apertura verso gli stakeholder esterni, sia nel comunicare il proprio impegno e modello di responsabilità sociale, che nel cogliere le opportunità di partnership strategiche di lungo periodo con i potenziali portatori di interessi. Infatti, la sostenibilità ambientale e sociale viene intesa come conseguenza di un rapporto diretto e personale con i dipendenti, i clienti, i fornitori che, in quanto tale, non necessita di una comunicazione specificamente mirata e formale;
  • i dipendenti , che in quanto primi stakeholder delle imprese sono destinatari di molte iniziative finalizzate al raggiungimento della parità di genere e alla conciliazione vita-lavoro , non vengono coinvolti come promotori delle iniziative di responsabilità sociale e ambientale poste in essere anche all’esterno dell’organizzazione, in modo da veicolare la comunicazione dei valori sociali dell’impresa in cui operano;
  • la disponibilità limitata di risorse organizzative, finanziarie, di know how e skill, spesso spinge il piccolo imprenditore verso una pianificazione strategica tendenzialmente di breve o medio termine, in mancanza di una struttura sufficientemente stabile e solida, che consentirebbe programmazione e investimenti di più lungo periodo.

In questo quadro:

  • L’adozione di politiche di RSI è spesso di tipo implicito e non codificato, con difficoltà nella misurazione e rendicontazione del fenomeno. Per questo, non è prassi redigere un bilancio sociale o di sostenibilità;
  • la motivazione personale del piccolo o medio imprenditore nell’implementazione di politiche socialmente responsabili spesso risulta prevalente rispetto a quella strategica, di marketing e relazionale;
  • Ci sono notevoli differenze a seconda del settore di appartenenza. Infatti è stata rilevata una correlazione positiva tra la priorità strategica delle PMI e le loro attività socialmente responsabili, dal momento che le PMI che perseguono gli obiettivi dell’innovazione, della qualità e della crescita sono anche le più presenti nell’impegno sociale.

Nonostante questi limiti, le iniziative di responsabilità sociale nelle piccole imprese non mancano, e possono essere catalogate secondo diverse tipologie:

  • misure di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro;
  • misure a sostegno del reddito;
  • misure di sostegno all’istruzione;
  • misure di sostegno nell’ambito della salute, previdenza e assistenza;
  • azioni per le pari opportunità e la “non discriminazione”.
  • Perchè conviene la RSI

    I motivi per cui conviene anche alle piccole imprese investire nella responsabilità sociale sono diversi.

    innanzitutto, come sottolinea Il Sole 24 Ore

    Tante aziende italiane alla ricerca di investitori esteri riferiscono che la prima richiesta di informazioni, quando i loro dossier arrivano sui tavoli, riguarda la loro governance: i fondi d’investimento, i club deal di investitori, le imprese cinesi e tedesche a caccia di partecipazioni in territorio italiano non puntano denaro dove il rischio e l’opacità sono troppo alti. […] I clienti globali delle Pmi italiane chiedono ormai stringenti Kpi (Key performance indicator) sociali e ambientali ai fornitori, pena la loro
    sostituzione con altri.

    Inoltre, i clienti/consumatori sono sempre più attenti alle problematiche ambientali e al rispetto dei diritti umani, questo rende molto più probabile che si rivolgano a società che si dimostrano sensibili in modo esplicito e con iniziative mirate a questi temi.

    Infine, un ruolo centrale è giocato dai social network che, come noto, amplificano notevolmente la comunicazione e possono contribuire in modo sostanziale alla costruzione di una buona reputazione aziendale e alla creazione del brand.

    Gli effetti positivi dell’adozione di politiche di RSI sono a medio-lungo termine, per cui come già emerso in alcune realtà territoriali una buona via per il loro successo è la costituzione di reti d’imprese che favoriscono la condivisione delle spese (per esempio la formazione) e lo scambio di buone pratiche.

    Altre risorse su questo argomento sono reperibili sul database

    Iscriviti alla newsletter

    Add a Comment

    UA-72062421-1

    Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

    Iscrizione Newsletter