Button Text! Submit original article and get paid. Find out More

mail Archive

Selezionati

Qualità del lavoro autonomo e dipendente, nuove startup , mail forse obsoleta



Per la rassegna di oggi abbiamo selezionato alcuni articoli su: qualità della vita e del lavoro in azienda, equo compenso per i liberi professionisti, la nascita di nuove startup e il tema dell’uso della mail (uno strumento che sembra destinato a sparire da ormai molti anni, ma che continua a sopravvivere alle nuove tecnologie).

S. Montegiove (2017). 10 modi per migliorare la qualità della vita (e del lavoro) in azienda. Tech Economy

Negli ultimi 3 anni il 40% dei lavoratori intervistati, secondo uno studio condotto dall’Institut Think pour l’Institut Great Place to Work, sostiene di sentirsi demotivato sul lavoro, con picchi che raggiungono il 70-80% in contesti particolari. Se si considera che la mancanza di motivazione impatta negativamente sulle prestazioni aziendali, vanno sicuramente analizzati i fattori cosiddetti demotivanti, individuati in qualità della vita al lavoro scadente, mancanza di riconoscimento per gli sforzi lavorativi profusi, scarsa capacità di leadership e di capacità relazionali dei vertici aziendali, problemi personali del lavoratore, del capo o dei colleghi, mancanza di promozioni, benefit o scarsità del compenso, incapacità di identificarsi nel sistema organizzativo, cambi di mansione e di orario, modalità di svolgimento del lavoro e ambiente fisico … Leggi

W. Anedda (2017). L’equo compenso è una questione di rispetto della dignità dei liberi professionisti. l’HuffingtonPost

Nelle ultime settimane si è tornati a discutere di equo compenso, ovvero della possibilità per gli iscritti agli Albi di ricevere la giusta attenzione nei confronti dei compensi professionali. Si tratta di un punto nodale, sia per quanto attiene l’aspetto economico, sia per un’effettiva ed efficace tutela della committenza, ma soprattutto per il rispetto della dignità professionale dei liberi professionisti. Un lavoratore dipendente, pubblico o privato, può contare su un contratto collettivo nazionale che indica esattamente qual è la retribuzione minima riconosciuta. Per quale motivo, quindi, un libero professionista non dovrebbe potersi affidare a un corretto compenso per la prestazione che eroga? … Leggi

UA-72062421-1
Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

Iscriviti