Button Text! Submit original article and get paid. Find out More

management Archive

Imprenditoria

Knowledge management, innovazione e competitività delle imprese



Sia in ambito accademico che in quello aziendale, la gestione dell’asset della conoscenza è ritenuto cruciale per il successo di un’organizzazione. Per le imprese la conoscenza è, sempre più, sinonimo di reti e di legami. Nel mercato, infatti, la tradizionale dicotomia che vedeva da un lato il fornitore e dall’altro il cliente è stata sostituita da una relazione di collaborazione, non più basata su una logica individualistica/gerarchica, quanto piuttosto su un sistema incentrato sull’interazione e lo scambio. La conoscenza, derivante dall’osservazione della realtà esterna, viene condivisa, integrata nella struttura dell’organizzazione e utilizzata per lo sviluppo di prodotti e servizi. La duplice attività, interna ed esterna, alimenta un processo di innovazione continua che produce vantaggi competitivi. Per questo, sempre più, a tutte le persone che operano in un’impresa vengono richieste capacità di apprendere, apprendere ad apprendere e imparare ad accettare il cambiamento.

Il knowledge management (KM) può essere inteso come il processo di ricerca, acquisizione, elaborazione e distribuzione della conoscenza. Come sottolinea Luca De Biase
il KM, nato negli anni 90′ come un sistema per filtrare e comunicare le informazioni aziendali di maggior valore, è stato trasformato, con l’avvento del web, in un sistema di servizi che connettono le persone in reti, nelle quali le discussioni sono vivaci e le conoscenze acquisite sono messe costantemente in discussione.

Attualmente, il KM rappresenta – o meglio dovrebbe rappresentare – un elemento cruciale di ogni strategia aziendale, che riguarda moltissimi aspetti della vita di un’azienda:

  • la progettazione del sistema informativo;
  • la gestione delle risorse umane;
  • l’investimento in R&D;
  • il sistema interno di comunicazione e di gestione delle informazioni;
  • l’architettura degli spazi di lavoro;
  • le modalità con cui si attua e si sostiene l’innovazione.

In cosa esattamente consiste la conoscenza di un’azienda?

Innovazione

Il disability manager: chi è e cosa fa?



Chi è e di cosa si occupa il disability manager? Questo sconosciuto in Italia fino al 2009, in altri Paesi, come il Canada e gli USA, esiste dagli anni 80′ del secolo scorso. Ne parliamo in un articolo, insieme a Consuelo Battistelli, pubblicato martedì 24 febbraio su disabili.com. Potete leggerlo qui.

Buona lettura!

Consulta il database per trovare altre risorse su questo argomento

UA-72062421-1

Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

Iscrizione Newsletter