trasferimento con la 104 Archive

Selezionati

Autocertificazione di malattia del dipendente, trasferimento della sede lavorativa con la legge 104, auto-organizzazione delle imprese



nella rassegna di questa settimana, abbiamo scelto di evidenziare alcuni articoli che discutono su: 1. il disegno di legge in comissione al senato, che prevede l’autocertificazione da parte del dipendente che si assenta per malattia nei primi 3 giorni (proposta che genera molte polemiche); 2. l’uso e l’abuso della legge 104 per ottenere il trasferimento della sede lavorativa, anche se, a ben vedere, i dati riportati non tengono conto di alcuni fattori che spiegherebbero meglio il fenomeno e la sua reale portata; c. le pratiche di autogestione in alcune imprese, che risultano funzionare molto bene, anche da prima della legge sullo smart working.

F. Di Frischia (2017). Il dipendente sta a casa per malattia: autocertificazione nei primi 3 giorni. Corriere della Sera

Un lavoratore che avverta un piccolo malore, comunque passeggero, problemi gastrointestinali, una febbre alta, insonnia o mal di testa, potrà autocertificarsi per i primi tre giorni l’assenza dal lavoro. Così il medico farà solo da «postino», informandone l’Inps e il datore di lavoro, ma non avrà pesanti responsabilità di fronte a un giudice e non potrà essere punito penalmente se il lavoratore avrà dichiarato il falso … Leggi

M. Tiraboschi (2017). Autocertificazione della malattia: quel ritardo culturale che pesa su lavoratori e imprese. Bollettino Adapt.

Se fossimo un Paese normale la proposta contenuta nel disegno di legge di iniziativa del senatore Maurizio Romani, di consentire l’autocertificazione per i primi tre giorni di assenza dal lavoro per malattia, non susciterebbe nessuno stupore. Una proposta, è bene precisare, che allo stato è circoscritta al solo lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche ma che, in caso di approvazione, potrebbe poi essere rapidamente estesa anche al settore privato … Leggi

Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

Iscrizione Newsletter