Apprendere nelle organizzazioni: una questione di competitività e di diversity management

Tra le principali sfide che le imprese si trovano ad affrontare nel mercato attuale due risultano interconnesse tra loro, vale a dire aumentare la competitività, che richiede la capacità di apprendere dalle proprie esperienze, e gestire una forza lavoro diversificata.
Apprendere nelle organizzazioni implica, nella vita di tutti i giorni, un processo continuo di riflessione e azione, caratterizzato dal porre domande, cercare feedback, sperimentare, riflettere sui risultati e discutere sugli errori o risultati imprevisti. Questo favorisce le performance individuali e di gruppo, in quanto
aiuta i componenti del team a comprendere l’ambiente di lavoro, i loro clienti, a coordinare le azioni dei colleghi in modo efficace e ad adattarsi ai nuovi modi di lavorare.

L’apprendimento nelle organizzazioni è in connessione con alcuni fattori che ne favoriscono lo sviluppo, come il clima positivo verso le diversità, la comunicazione, l’altruismo, i conflitti e la fiducia.

Vediamo meglio in che modo avvengono tali interazioni, grazie anche ai risultati emersi da alcuni studi recenti, (per esempio Guchait et al., 2016; Kuabara e Takahashi, 2017).

Clima positivo verso le diversità

Il clima positivo verso le diversità costituisce un indicatore di equità e rispetto, legati al senso di sicurezza psicologica, grazie al quale i lavoratori hanno maggiori probabilità di impegnarsi nell’apprendimento, condividendo i propri errori, cercando feedback e condividendo nuove idee.

In questo clima deve esserci un certo livello di comunicazione, di cui i dipendenti devono essere soddisfatti perchè si impegnino nel processo di apprendimento.
La soddisfazione nella comunicazione può essere favorita mediante alcune pratiche manageriali, che richiedono del tempo e un certo impegno, come promuovere discussioni tra i collaboratori, responsabilizzare i dipendenti nel risolvere i problemi e condividere obiettivi comuni per l’organizzazione. Nella comunicazione risulta di vitale importanza ridurre le barriere che possono ostacolarla, per esempio nel caso di collaboratori che non parlano correttamente la lingua di uso comune. In ultimo, spetta ai supervisori fornire dei feedback focalizzati sullo sviluppo, piuttosto che sulla valutazione, dei collaboratori.

Altruismo

Alcuni stili di leadership, come quello supportivo, trasformativo o autentico, innescano un effetto positivo sull’apprendimento organizzativo.
Caratteristica comune a questi stili è la motivazione altruistica, che si manifesta tramite una vera cura e preoccupazione per le persone.
L’altruismo, uno dei fattori facilitanti l’apprendimento organizzativo, rientra tra i comportamenti extraruolo, detti anche di cittadinanza organizzativa (OCB).
In particolare, si riferisce alla tendenza a pensare al benessere e ai diritti degli altri, a preoccuparsi e a empatizzare per/con loro, e ad agire in modo da avvantaggiarli.
Cerca, quindi, di aumentare il benessere altrui, non il proprio, è volontario e intenzionale, pensato per aiutare qualcun altro, senza alcuna aspettativa di ricompensa.

Leggi anche: La gestione della diversità generazionale e i comportamenti di cittadinanza organizzativa: una relazione importante

All’interno dell’azienda, l’altruismo si caratterizza come un comportamento di aiuto, come per esempio aiutare colleghi che si sono dovuti assentare per un certo periodo, supportare i nuovi assunti a inserirsi, aiutare chi ha carichi di lavoro pesanti “e” assistere il supervisore con il proprio lavoro “.

Altruismo, conflitti e fiducia

La ricerca e l’esperienza dimostrano che il conflitto previene alcuni tra i comportamenti essenziali per l’apprendimento organizzativo, come la sperimentazione, l’assunzione di rischio, il dialogo e la partecipazione alle decisioni.

L’altruismo riduce i conflitti di relazione e aumenta la fiducia organizzativa, che a sua volta migliora la capacità di apprendere.

Implementare un clima di altruismo può essere inteso come una pratica manageriale, che rafforza sia l’apprendimento sia la fiducia.

Altre risorse su questo argomento sono reperibili sul database

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

desc="" group="Public"]

Iscrizione Newsletter