Autore: LabLavoro

Covid-19 e smart working: nuove prospettive nella gestione delle risorse umane

Covid-19 e smart working: nuove prospettive nella gestione delle risorse umane

L’emergenza sanitaria attuale comporta dei cambiamenti radicali nelle modalità di lavoro, accelerando l’adozione di alcune nuove pratiche, in piccola parte già esistenti, come lo smart working. Ma cosa ci aspetta dopo il Covid-19? Come le organizzazioni possono affrontare questa fase di transizione che acquista ancora più importanza in prospettiva diversity management? Ne parlano in questo approfondimento Alessia Avietti* e Angela M. Caddeo**, entrambe psicologhe del lavoro ed esperte sui temi HR.

Introduzione

Il Politecnico di Milano, attraverso il suo Osservatorio Smart Working, definisce questa prassi lavorativa una

nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati

Continua a leggere

Fase 2: giovani e donne, sostenibilità e formazione, conciliazione vita-lavoro

Fase 2: giovani e donne, sostenibilità e formazione, conciliazione vita-lavoro

Nella rassegna stampa di oggi alcuni approfondimenti relativi alla Fase 2 del Covid-19: giovani e donne le fasce più colpite dal rientro alla normalità per scaglioni; l’importanza della formazione per la sostenibilità dello sviluppo produttivo; le difficoltà di conciliare vita e lavoro a causa della chiusura delle scuole

A. Casarico, S. Lattanzio (2020). Nella “fase 2” a casa giovani e donne. La Voce

Il 4 maggio torneranno al lavoro in larga maggioranza lavoratori uomini. Alle donne non resterà che farsi carico ancor di più della cura della famiglia. Anche i giovani rimangono a casa. Sono due categorie che già avevano difficoltà sul mercato del lavoro … Leggi

C. Chianelli (2020). Dopo il Coronavirus la sostenibilità passa ancor più per la formazione. Tech Economy

Continua a leggere

Invecchiare è un processo naturale, non un limite

Invecchiare è un processo naturale, non un limite

Se ai tempi del coronavirus le persone anziane vengono citate, purtroppo, solo per aggiornare i dati sulle vittime, più in generale e al di là della situazione attuale, si fa riferimento a questa parte della popolazione per indicare i costi elevati del sistema sanitario, di quello pensionistico e del welfare, mentre molto difficilmente viene considerata unarisorsa per la società.
Di questi aspetti trattaAshton Applewhite nel libro “This chair rocks: A manifesto against ageism”, pubblicato negli States nel 2019. Partendo da stereotipi e pregiudizi che determinano molti nostri atteggiamenti e comportamenti, attraverso i nove capitoli del libro l’autrice offre uno spaccato delle condizioni delle persone anziane negli USA, considerando numerosi aspetti dell’invecchiamento, dall’identità personale alla salute fisica e mentale, passando per la sessualità, il fine vita e il lavoro.

Ageism

Continua a leggere

Covid-19: ruolo del disability manager, agevolazioni per i lavoratori della PA, politiche di welfare aziendale

Covid-19: ruolo del disability manager, agevolazioni per i lavoratori della PA, politiche di welfare aziendale

Nella rassegna stampa di oggi, alcuni approfondimenti dedicati al Covid-19: la ridefinizione del ruolo del disability manager nelle organizzazioni; le nuove agevolazioni per i lavoratori nella PA contenute nella circolare del Ministro della Pubblica Amministrazione; politiche di welfare da parte di grandi imprese per venire incontro alle numerose e imprevedibili esigenze dei dipendenti.

P. Marino Aimone (2020). Il disability manager nel mondo del lavoro, ai tempi del coronavirus. Superando

«Le conseguenze sanitarie, economiche e sociali dell’emergenza coronavirus – scrive Palma Marino Aimone della SIDIMA (Società Italiana Disability Manager) – sono sotto gli occhi di tutti e coinvolgono ciascuno di noi. Tuttavia, le persone con disabilità, e più in generale tutte quelle con un quadro clinico precario, sono maggiormente esposte … Leggi

C. Giacobini (2020). Agevolazioni lavorative per Coronavirus: Circolare Pubblica Amministrazione. HandyLex

Continua a leggere

Immigrati e lavoro: strategie di diversity management

Immigrati e lavoro: strategie di diversity management

Secondo il IX Rapporto annuale 2019 “Gli stranieri nel mercato del lavoro in Italia”, realizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con INPS, INAIL, Unioncamere e Anpal Servizi, la popolazione straniera residente in Europa al 1° gennaio 2018 si concentra prevalentemente in cinque Paesi: Germania (9,679 milioni, 11,7% della popolazione), Regno Unito (6,286 milioni, 9,5%), Italia (5,144 milioni, 8,5%), Francia (4,687 milioni, 7%) e Spagna (4,563 milioni, 9,8%).

Vediamo meglio come funziona l’inserimento sociale e, soprattutto, quello lavorativo di questa porzione della popolazione.

Situazione in Italia

Continua a leggere

Diseguaglianze di genere al lavoro, i miti del burnout, smart working nella PA

Diseguaglianze di genere al lavoro, i miti del burnout, smart working nella PA

Nella rassegna stampa di oggi alcuni approfondimenti su: in che misura persistono le disuguaglianze di genere al lavoro secondo il recente report Eurofound, alcune credenze errate sul burnout e su come si sconfigge, buone pratiche di smart working nella PA

Cabrita G. et al.(2020) Gender equality at work. Eurofound

Gender inequality at work persists across Europe, despite the long standing attention paid and efforts made to tackle it. This Eurofound report presents a closer look at women’s and men’s working conditions … Leggi

S. Chilton (2020). International Women’s Day 2020: Following #metoo What Happened With NDAs? Forbes

Continua a leggere

Smart working: strategia per il diversity management, ma non solo

Smart working: strategia per il diversity management, ma non solo

Ultimamente abbiamo assistito alla diffusione del lavoro agile o smart working, con una grande risonanza sui media nazionali. Non è chiaro, però, se effettivamente di questa nuova modalità di lavoro sia tutto positivo e in che misura potrà essere mantenuta anche dopo la crisi dovuta al coronavirus.
Proviamo a fare il punto sullo smart working, senza alcuna pretesa di essere esaustivi, cercando di evidenziarne i punti di forza e di debolezza, le dinamiche psicologiche e i processi organizzativi che entrano in gioco e alcune buone pratiche che finora hanno avuto effetti positivi sul benessere dei lavoratori.

Continua a leggere

Smart working, business sostenibile, welfare pubblico e aziendale

Smart working, business sostenibile, welfare pubblico e aziendale

Nella rassegna stampa di oggi alcuni approfondimenti su: lo smart working al tempo del coronavirus, cosa significa fare business in modo sostenibile, un progetto in cui si integrano welfare pubblico e aziendale, le barriere da abbattere per colmare il gender gap di ruolo

L. Cavalieri (2020). Le tre cose che ci insegna lo «smart working da coronavirus». Il Sole 24 ORE

In questa settimana il coronavirus ha rivoluzionato la vita di molti italiani: scuole chiuse e in tanti costretti, o cortesemente invitati, a lavorare da casa. Nelle zone a maggior rischio infatti molte aziende, anche quelle che non erano già attive con una politica strutturata di smart working … Leggi

P. Capoferro (2020). Smart Working: che cos’è, a cosa serve, perché è importante per il business. Digital 4HR

Continua a leggere

Capitale intellettuale: risorsa strategica per il diversity management nelle nuove imprese

Capitale intellettuale: risorsa strategica per il diversity management nelle nuove imprese

Il mercato del lavoro attuale è caratterizzato da una grande incertezza, che per le piccole e medie imprese di nuova costituzione rappresenta un limite alla crescita e si traduce in un rallentamento della reddittività, come sottolineato anche nel Rapporto CERVED 2019.
Rispetto alle piccole imprese nate in altri tempi, le nuove piccole imprese si trovano in una posizione particolarmente precaria, in cui ruoli organizzativi e routine poco sviluppati, mancanza di relazioni di fiducia e clienti fidelizzati sono le cause primarie del fallimento.

Capitale intellettuale

Continua a leggere

“Erasmus+” per l’inclusione lavorativa, agenda sociale europea, divari di genere

“Erasmus+” per l’inclusione lavorativa, agenda sociale europea, divari di genere

S.I.Di.Ma. (Società Italiana Disability Manager), da molti anni impegnata in favore dell’inclusione lavorativa, partecipa al progetto GreeNet, finanziato nell’ambito del programma europeo Erasmus Plus, che vede coinvolti oltre l’Italia Grecia, Slovenia, Cipro e Serbia, con l’obiettivo di formare mediante l’uso delle ICT persone adulte con disabilità cognitive.
Altri articoli su: la nuova agenda sociale europea della Commissione a guida von der Leyen, limportanza della trasparenza per superare i divari di genere, alcune utili strategie per far fronte allo stress lavorativo ed evitare il burnout.

Superando (2020). Percorsi di inclusione lavorativa per assistenti giardinieri

Continua a leggere