Competenza morale: indispensabile per l’accountability organizzativa

La competenza morale può essere definita, in generale, come la capacità di risolvere problemi e conflitti sseguendo dei principi morali universali attraverso il ragionamento e la discussione.
La morale si distingue dall’etica, in quanto la prima si riferisce all’adozione di comportamenti o decisioni da parte delle persone secondo valori riconosciuti nel sistema sociale, mentre la seconda è relativa a principi personali, che guidano le singole persone nel riconoscere ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.
Per questo, la competenza morale comporta il prendere decisioni, formulare giudizi e risolvere problemi e conflitti usando principi e valori universali, indipendentemente dalla cultura o dal Paese di appartenenza.
Strettamente connesse alla competenza morale sono l’accountability e la leadership etica.

In che modo?

Leggi anche: Accountability nei programmi di diversity management: un elemento mancante?

Competenza morale e accountability

Come sottolineato in un recentissimo studio di Ghanem e Castelli (2019) apparso su “The Journal of Values-Based Leadership”, l’accountability gioca un ruolo chiave nel favorire lo sviluppo etico e personale. Quando una persona diventa consapevole della condizione di responsabilità (accountable), mette in atto una serie di strategie e comportamenti specifici per questa situazione, ed è probabile che conosca i requisiti di accountability di cui essere in possesso per rispondere alle aspettative del superiore e/o dei collaboratori.
In queste condizioni, sia i leader che i collaboratori si distinguono per livelli elevati di autocritica e self-accountability, cioè sono più propensi a sottoporre a valutazione i loro comportamenti e giudizi.

Self-accountability e leadership etica

La self-accountability si riferisce ai motivatori interni, come le qualità personali e l’etica.
Un leader etico è self-accountable quando rende conto solo a se stesso, non essendoci superiori che osservano, monitorano o valutano il suo operato.
Quando un leader ha un senso ben sviluppato di self-accountability i suoi collaboratori, ritenendo di essere stati trattati in modo equo e giusto, si sentono in dovere di restituire comportamenti benefici, dunque eticamente corretti.
La self-accountability aiuta i leader a comprendere meglio le conseguenze dei loro comportamenti sui collaboratori e sul clima del gruppo e/o dell’intera azienda.

Effetti della competenza morale

L’accountability ha tra i principali effetti la riduzione della corruzione, l’aumento delle interazioni tra colleghi, le spese controllate, l’aumento della produttività, una maggiore soddisfazione lavorativa e una maggiore fidelizzazione dei dipendenti.
Inoltre, gli effetti positivi riconducibili, nello specifico, alla competenza morale dei leader, riguardano l’elevata consapevolezza dell’importanza delletica, il miglioramento delle performance individuali e organizzativa.

nel caso di leader senior, è più probabile che questi adottino costantemente comportamenti etici anche se inazienda vi sono bassi livelli di accountability, mentre
per i leader intermedi o in posizioni inferiori, i loro comportamenti saranno più facilmente etici se influenzati da livelli elevati di accountability presenti nell’organizzazione.

In sintesi, l’aumento della competenza morale facilita l’effetto positivo dell’accountability sulla leadership etica.

Formazione sulla competenza morale

L’aumento di self-accountability può avvenire almeno in 2 modi:

  • quando i proprietari e i dirigenti d’azienda si impegnano in prima persona nel creare una cultura dell’accountability, ossia adottando e promuovendo comportamenti etici. Questo rafforza il rapporto di fiducia e cooperazione con i dipendenti;
  • migliorando la capacità di auto-monitoraggio nei leader. Questo costituisce, infatti, uno dei migliori presupposti per favorire processi decisionali di alta qualità e ridurre i comportamenti inappropriati e si accompagna, solitamente, anche a una comunicazione efficiente con i collaboratori, colleghi di lavoro e superiori, e a una maggiore partecipazione al lavoro.

La moralità non è innata e può, quindi, essere promossa efficacemente tramite dei percorsi formativi ad hoc.

Altre risorse su questo argomento sono reperibili sul database

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

desc="" group="Public"]

Iscrizione Newsletter