Nella rassegna stampa di oggi alcuni recenti articoli su: la figura del disability manager, la nuova delineazione dello smart working, l’agenda europea per l’acquisizione delle competenze, il fenomeno del “colourism” all’interno delle dinamiche del razzismo.

M. Bottà (2020). Questo andrebbe fatto, per abbattere i pregiudizi sui lavoratori con disabilità. Superando

Spetterebbe ai servizi territoriali far conoscere le persone con disabilità al mondo del lavoro, per quello che sono e per quello che possono dare. Solo l’esperienza diretta, … Leggi

E. Cibinel (2020). Disability Manager: il Manifesto che ne approfondisce ruolo e ambiti di riferimento, attuali e potenziali. Percorsi di Secondo Welfare

Il Disability Manager (DM) è una figura professionale che promuove soluzioni tecniche e organizzative volte a facilitare o rendere possibile alle persone con disabilità l’esercizio di diritti o libertà altrimenti preclusi … Leggi

P. Ichino (2020). Un’idea sbagliata dello smart working. La Voce

Il lavoro “agile” (detto anche smart working) è tale perché si è liberato dai vincoli che tradizionalmente caratterizzano il lavoro dipendente: vincoli di orario, di spazio dove la prestazione deve svolgersi, di burocrazia aziendale. È “agile”, o “smart”, perché funziona sulla base di un rapporto di fiducia … Leggi

N. Iacono (2020). European Skills Agenda: sulle competenze dobbiamo cambiare tutto. Agenda Digitale

La recente pubblicazione della “ European Skills Agenda” della Commissione ue, per la competitività sostenibile, l’equità sociale e la resilienza, rappresenta un momento di svolta della politica europea di crescita, perché pone inequivocabilmente al centro dell’attenzione le competenze … Leggi

A. Bagalini (2020). What is colourism and how can skin-tone bias affect your career? World Economic Forum

Unlike racial bias, which is usually perpetrated by individuals of one race against those of another, colourism is also frequently observed among members of the same ethnic or racial group. Among the many dimensions of bias that are being tested by Project Implicit, a long-term research project based at Harvard University, is something called skin-tone bias, which, quite separately from racial bias “often reveals an automatic preference for light-skin relative to dark-skin” … Leggi

Altri articoli su questi temi sono inseriti nel database

Iscriviti alla newsletter

    Aggiungi un commento

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.