L’Organizzazione mondiale della sanità definisce l’invecchiamento attivo come “il processo di ottimizzazione delle opportunità per la salute, la partecipazione e la sicurezza al fine di migliorare la qualità della vita man mano che le persone invecchiano. Le politiche su questo importante tema sociale sono state proposte a livello internazionale, nazionale e locale da organismi e istituzioni, come l’ONU, l’OECD e l’UE.
Nel contesto lavorativo, l’invecchiamento attivo si traduce per i lavoratori anziani, nel mantenimento e miglioramento di alti livelli di benessere (fisico, mentale e sociale), di impegno e performance e nella sperimentazione di un trattamento basato su equità e sicurezza del lavoro.
A fronte dei numerosi documenti, dichiarazioni ed eventi sulle politiche e pratiche di questo tipo non si hanno, però, dati certi sui risultati e sulle ricadute che hanno o hanno avuto sull’intera organizzazione.

Age management e ricadute sull’organizzazione

Come conseguenza di fattori concomitanti, come l’innalzamento dell’età pensionabile e la copresenza di molteplici generazioni, le politiche sull’invecchiamento attivo si intrecciano con quelle su diversity and inclusion.
Le pratiche e i programmi di age management promossi da un’azienda possono generare nei dipendenti la percezione di essere supportati. Questo, a sua volta, porta i dipendenti a dimostrare fiducia, lealtà e impegno nei confronti dell’organizzazione.
Si innescano, così, processi positivi, che possono portare a buoni risultati, sia per l’HR management che per la CSR )come il volontariato e l’impegno per l’ambiente nelle comunità di appartenenza).

Prospettive sulla diversity

Sulla base della teoria della contingenza organizzativa (Galbraith, 1973), è possibile sostenere che la relazione tra le politiche di age management e risultati effettivi dipenderà dalla prospettiva della diversità adottata dall’organizzazione. Nello specifico, questa può essere di due tipi.

La prospettiva denominata di “equità e discriminazione”considera l’eliminazione della discriminazione e garanzia della giustizia e dell’uguaglianza come presupposti per le diversità.
Il valore delle diversità in sé è scarso, in quanto non è ben riconosciuto e l’assimilazione viene ritenuta la caratteristica più importante.
Questa prospettiva è stata collegata all’uguaglianza ed è noto il suo fallimento nell’arginare pregiudizi e stereotipi relativi all’età, il sessismo e il razzismo. Infatti, il presupposto è che “tutti sono uguali” o, per lo meno, questa è l’aspirazione, il che esercita pressioni sui dipendenti per assicurarsi che le differenze non contino.
La differenza è, quindi, considerata un problema da eliminare, mentre i vantaggi delle diversità sono limitati a situazioni specifiche, come quando i dipendenti di una determinata fascia d’età hanno a che fare con clienti loro coetanei.

La prospettiva detta “sinergica” considera le differenze come risorsa per un cambiamento adattivo sul posto di lavoro. Le sue caratteristiche
migliorano il lavoro e i processi produttivi, attribuendo un valore elevato all’identità e collegando direttamente diversità e lavoro.
Tale prospettiva è considerata estremamente vantaggiosa in quanto fornisce un collegamento strategico alle attività chiave dell’organizzazione e ai sistemi esistenti, in modo che il lavoro, non solo il personale, sia diversificato.

Inoltre, incoraggia il vero cambiamento culturale, spingendo le organizzazioni a esprimersi efficacemente mediante il linguaggio delle dimensioni delle differenze.

Infine, è riconosciuta la difficoltà nell’attuare la prospettiva sinergica, che dovrebbe partire dai manager senior, i quali non sempre hanno una posizione chiara da seguire sull’age management.

In conclusione

Le organizzazioni che intendono implementare pratiche e programmi di age management devono necessariamente tener conto delle fasi di assunzione e fidelizzazione, della gestione delle carriere, dei percorsi di formazione e sviluppo, della progettazione delle attività lavorative, dei piani di safety and security, della pianificazione dei processi di transizione dal lavoro alla pensione.

Un recente studio (Ali e French, 2019) individua alcune delle pratiche di age management che hanno avuto risultati e ricadute positivi sull’intera organizzazione. Eccone alcune:

  • comunicazione dei piani di age management ai dipendenti;
  • assunzione di lavoratori anziani, anche facendo riferimento a consulenti esterni o agenzie per il lavoro specializzate su questo target;
  • formazione dei manager nelle responsabilità verso una forza lavoro diversificata;
  • individuazione e formazione di lavoratori anziani, potenziali candidati a ricoprire ruoli manageriali.

Altre risorse su questo argomento sono reperibili sul database

Iscriviti alla newsletter

Aggiungi un commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.