Lavoratori immigrati, contratto di somministrazione per lavoratori con disabilità

Nella rassegna stampa di oggi, alcuni approfondimenti su: l’inclusione dei migranti nella forza lavoro italiana ed europea; i rischi dell’introduzione dello smart working e la sua evoluzione; lo scarso utilizzo del contratto di soministrazione per lavoratori con disabilità; il riconoscimento e la valorizzazione dell’unicità dei lavoratori in prospettiva diversity management.

S. Fabbrini (2019). L’economia ha bisogno di lavoratori immigrati. Il Sole 24 ORE

Èinsensato che il Paese si divida su come gestire 49 migranti. Si cerca di polarizzare l’opinione pubblica che polarizzata non è. Secondo una ricerca di More in Common del luglio scorso, relativa alle attitudini (opinioni non contingenti) degli italiani nei confronti dell’immigrazione, emerge che un quarto degli italiani è contrario per principio agli immigrati … Leggi

F. Maino (2018). Sfide e nuove opportunità per il benessere in azienda: quale spazio per lo smart working? Quaderni FMV

Negli ultimi decenni i cambiamenti demografici hanno profondamente modificato la società: il tasso di partecipazione femminile al mercato del lavoro è cresciuto in modo significativo, i tassi di fertilità sono progressivamente diminuiti … Leggi

M. Bottà (2019). Disabilità e lavoro: perché la somministrazione resta sotto traccia? Superando

Credo che l’ostilità di molti servizi pubblici e privati verso questo tipo di rapporto di lavoro – scrive Marino Bottà – sia dovuta a una scarsa conoscenza dello stesso o a un pregiudizio ideologico, che li porta a privilegiare il tirocinio, sostenuto da una misera Borsa Lavoro, rispetto a un rapporto di lavoro regolare … Leggi

V. Giovale (2019). Saper cogliere l’unicità delle persone diventa una competenza strategica. Il Sole 24 ORE

Il conformismo erode la capacità competitiva di un’azienda, di conseguenza i team composti da persone simili (dove si genera il group think) prendono decisioni meno efficaci, rispetto ai team composti da persone differenti per età, genere, cultura, provenienza geografica, intelligenze, stili relazionali, ecc … Leggi

A. Young-Powell (2018). ‘I felt like I had to leave’: life as a gay, female tech CEO. The Guardian

It’s hard enough being the only woman in the room, and then to come out as gay? It’s even harder, says Hayley Sudbury. But there’s a “different energy” when you have a diverse workplace that includes people of different backgrounds, ethnicities and genders. “That’s what gets me out of bed in the morning,” she says … Leggi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter bisettimanale. Riceverai:

desc="" group="Public"]

Iscrizione Newsletter